Riparte il mondo degli Eventi Residenziali

Il mondo degli Eventi Residenziali riparte in molte regioni italiane dopo il fermo causato dal covid.

In questi mesi Sanitanova, grazie all’esperienza decennale, è riuscita a garantire la qualità dei suoi servizi sfruttando al meglio le potenzialità delle tecnologie digitali come i webinar che permettono la partecipazione fino a 500 utenti contemporaneamente.

Ma quali sono le linee guida da seguire per realizzare un evento residenziale oggi?

Le linee guida riprendono in sostanza i protocolli tracciati da Federcongressi.

Il distanziamento sociale è il fattore chiave delle misure anti-covid da adottare per l’organizzazione degli Eventi Residenziali. Questo elemento indica, di conseguenza, il numero massimo dei partecipanti che sarà calcolato in base alla capienza della struttura.

Il distanziamento deve essere di almeno 1 metro tra i partecipanti nei vari momenti dell’evento e in tutti gli spazi della location (dall’accredito ai posti a sedere).

Tra le indicazioni, c’è anche l’obbligo dalla mascherina, la sanificazione delle mani e raccomandazioni precise per i servizi di catering nonché per le modalità di somministrazione dei cibi e bevande.

Molti step organizzativi sono sviluppati ancora online, ad esempio le prenotazioni, il pagamento della quota di partecipazione, le compilazioni di moduli, la distribuzione di materiale informativo e altri processi simili.

È possibile convertire la tipologia formativa?

La Commissione Nazionale per la Formazione Continua di AGENAS, ha stabilito che: “In considerazione di quanto previsto dalle disposizioni governative circa la sospensione degli eventi residenziali, è possibile richiedere la conversione della tipologia formativa da RES a F AD oppure da RES a RES-videoconferenza, al fine di consentire la conclusione di quelli già iniziati e lo svolgimento di quelli programmati e già inseriti nel sistema informatico. La possibilità di conversione si applica agli eventi già inseriti nel sistema informatico alla data del 15 aprile 2020 e programmati entro il 31 luglio 2020 e comunque sino al perdurare dello stato di emergenza sanitaria”.

“Fino al termine dello stato di emergenza sanitaria e comunque in presenza di specifiche disposizioni, anche regionali, che vietino lo svolgimento di eventi residenziali o ne limitino numericamente la partecipazione, è consentito l‘utilizzo di modalità di collegamento in videoconferenza per gli utenti che si connettano individualmente.”

 

Quali sono le regioni che hanno concesso la possibilità di organizzare gli Eventi Residenziali già da giugno?

Le regioni che ad oggi hanno aderito sono:

Sicilia, Campania, Emilia Romagna, Abruzzo, Basilicata, Sardegna, Puglia, Veneto, Lazio, Liguria, Toscana, Umbria, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Marche.

Ma è probabile che a breve anche le altre regioni (Lombardia, Piemonte, Molise, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige) aderiranno, compatibilmente con l’andamento discendente delle curve dei contagi.

 

Per informazioni sugli eventi residenziali, formazione a distanza e webinar scrivi a info@sanitanova.it

 

Fonte: Meeting e Congressi

 

 

 

 

Translate »